Gestione separata INPS 2021: aliquote e novità ISCRO

Omar MagnelliDiOmar Magnelli

Gestione separata INPS 2021: aliquote e novità ISCRO

Con la Circolare n. 12 dello scorso 5 febbraio, a firma del Direttore Generale Di Michele, l’INPS fissa le nuove aliquote contributive per l’anno 2021.

La Circolare definisce infatti aliquote, minimali e massimali di reddito per i professionisti e inserimento dell’aliquota aggiuntiva di finanziamento dell’ISCRO, la cassa integrazione sperimentale prevista per le partite IVA e introdotta dalla Legge di Bilancio 2021.

L’articolo 1, comma 398, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, recante “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023”, ha disposto un aumento dell’aliquota di cui all’articolo 59, comma 16, della legge n. 449/1997, pari a 0,26% per l’anno 2021 e pari al 0,51% per l’anno 2022 e per l’anno 2023. Il contributo è a carico dei lavoratori autonomi, che esercitano per professione abituale le attività di lavoro autonomo di cui al comma 1 dell’articolo 53 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR), iscritti alla Gestione separata e non assicurati ad altre Gestioni di previdenza, né pensionati.

La nuova aliquota dello 0,26% (destinata a passare allo 0,51% per il 2022 e per il 2023) è dovuta esclusivamente da quei professionisti che non effettuano altri versamenti previdenziali (compresi i pensionati).

Con la nuova aliquota ISCRO il totale dei versamenti previdenziali passa così al 25,98%.

Per informazioni dettagliate si rimanda alla Circolare dell’INPS.

The following two tabs change content below.
Omar Magnelli
Responsabile della segreteria di AssoCounseling. Account di servizio

Info sull'autore

Omar Magnelli

Omar Magnelli administrator

Responsabile della segreteria di AssoCounseling. Account di servizio